Crea sito

la Potatura del Bonsai

Potatura dei Rami:
Dove potare:

Nella potatura dei rami bisogna tenere sempre presente che un albero tende ad infittire la vegetazione soprattutto nelle parti alte perché più luminose (fenomeno noto come dominanza apicale); quindi se noi potiamo un albero in modo che i rami siano tutti lunghi uguali (a mo’ di cilindro) questo in risposta darà dei germogli molto lunghi nella parte superiore e dei germogli corti in quella inferiore. Quindi per ottenere uno sviluppo più armonioso bisognerà lasciare più lunghi i rami inferiori. Così facendo nei rami bassi scorrerà più linfa che in quelli alti, scorrendo più linfa i getti inferiori saranno più rigogliosi e bilanceranno la naturale spinta di quelli superiori. Inoltre lasciare un maggior numero di foglie in un ramo implica un più rapido ingrossamento dovuto, appunto, a uno scorrimento maggiore di linfa; questo è molto importante perché i rami alla base è noto che devono essere più grossi di quelli alla cima.

Come potare:

Il modo di potare è fondamentale nell’arte Bonsai, la potatura infatti determina in quale direzione si dirigeranno i nuovi germogli e quindi determina la futura impostazione della pianta.
Prima regola, semplice e ovvia, è quella di tagliare il ramo subito dopo un internodo, cioè subito dopo una foglia . Infine bisogna tenere in considerazione un importante fatto. Se la gemma che si lascia per ultima è rivolta verso l’alto il rametto che nasce sarà verticale e vigorosissimo, mentre se l’ultima gemma è rivolta verso il basso il germoglio che nascerà sarà meno vigoroso e prenderà una forma più armonica . Questo accade perché la sua naturale tendenza a crescere verso l’alto è contrasta dalla direzione del getto (verso il basso) e quindi il nuovo rametto sarà quasi orizzontale (esteticamente perfetto).

Potatura dei germogli:

La potatura dei germogli è un operazione di fondamentale importanza per mantenere ridotte le dimensione del nostro albero. Essa si esegue in un preciso periodo dell’anno, di solito in primavera e estate (a seconda dell’essenza), e consiste nel ridurre il numero di foglioline di un nuovo getto. Ad esempio se il numero di foglie di un nuovo getto è 6, 3 o 4 si possono togliere in modo da ridurre le dimensioni della pianta. La tecnica di potatura è analoga a quella dei rami.

Potatura dei germogli nelle conifere:

Discorso a parte invece per le conifere, per le quali è sicuramente più complesso tutto l’aspetto della potatura, vista la difficoltà nello stimolare nuovi germogli sui rami.
Prima di tutto è importante eseguire una spuntatura dei germogli differenziata, agendo prima sui rami inferiori (i meno vitali), dopo una settimana circa su quelli centrali ed in fine dopo una ulteriore settimana su tutti quelli apicali. Tale operazione in genere si avvia a partire da maggio. È importante però verificare l’eventuale presenza di germogli molto vigorosi nella parte apicale, nel qual caso è opportuno spuntare questi grossi germogli contemporaneamente ai primi, per evitare che eliminando solo quelli inferiori si riservi tutta la linfa a quelli apicali, facendo morire i più deboli germogli inferiori.
Una volta trascorsi due o tre mesi sarà opportuno nuovamente cimare i nuovi germogli più forti.
Questa tecnica consente a piante come i pini di stimolare una germogliazione più diffusa su ogni ramo.

Defogliazione:

Una tecnica molto usata per ridurre la dimensione delle foglie è quella di cimare i nuovi getti e asportare totalmente le foglie tagliandole a metà picciolo (eseguire questa operazione tra maggio e luglio). Cerchiamo di capire perché questa tecnica riduce la dimensione delle foglie.
A parità di superficie fogliare esposta, un bonsai può avere poche foglie grandi o tante foglie piccole. In primavera le nuove foglie che nascono sono grandi perché le giornate sono corte e poco luminose; tagliando tutte le foglie in un periodo dove il sole splende e le giornate sono lunghe le foglie che nasceranno saranno più vigorose e inoltre, siccome al posto di ogni foglia spesso si forma un intero rametto, il loro numero aumenterà notevolmente e di conseguenza saranno più piccole. Attenzione però perché questa operazione si può eseguire solo su esemplari maturi e sani. Tipicamente l’operazione di defogliazione da ottimi risultati su piante come l’acero, il faggio, la quercia e più in generale le latifoglie.

Guarda le piante prebonsai su   ilpianetaverdeshop  

Prodotti consigliati da ilpianetaverde

Attrezzi Bonsai

Forbici da Potatura

Forbici per defogliazione 

Tronchesi

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

error: Il contenuto è protetto !!